Scuola dell’Attore Emo Marconi 2016-10-28T12:40:34+00:00

Scuola dell’Attore Emo Marconi

Vi informiamo che, temporaneamente, i corsi biennali sono sospesi per questioni organizzative.

Cos’è la scuola dell’attore e a chi si rivolge

La scuola di teatro “Emo Marconi” si tiene in San Desiderio a Brescia. Si rivolge a tutti coloro che intendono entrare nel mondo del teatro per acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie capacità espressive, indagare la propria realtà al fine di liberare la propria creatività ed entrare in relazione con altre persone in un percorso artistico di crescita individuale e di gruppo.

La Scuola dell’Attore “Emo Marconi” ha cadenza biennale e si rivolge a giovani di età compresa fra i 18 anni e i 40.

Premessa

«Parlare vuol dire hic et nunc energia umana verso coloro che quest’energia umana riescono a tradurre in un qualche “senso” e in un qualche significato.
Vi è qualcosa di misterioso, di miracoloso, direi, in questa vicenda del discorrere e del capire.
Delle onde d’aria controllate da una mente escono da una laringe, si arrestano sulle labbra e si muovono sfericamente nello spazio abbondantemente disperdendosi; e tuttavia alcune di esse sbattono sul padiglione di un orecchio ed ecco che non tanto la presenza delle onde viene avvertita, ma ciò che esse supportano: il significato, appunto.
Straordinario: dalla meccanicità delle onde all’individuazione di un “senso”, che è cultura.
Ecco perché l’uomo è conduttore dell’energia del simbolo, ed ecco perché questa condizione lo fa unico in tutto il creato.»

[Emo Marconi]

L’uomo, quindi, quale conduttore e ricevente del “senso”, dell’energia del “simbolo”.
È così che gli uomini rischiano l’apertura dell’accostarsi l’uno all’altro e in tale relazione autentica, ognuno – l’uno – sviluppa se stesso.
Quest’espansione è, dunque, dispiegamento, riscoperta e crescita, ma, anche, nel momento stesso in cui il sé si esterna e si colloca in luce, precarietà e messa in forse.
Manifestarsi comporta il farsi soggetto all’altro, il quale diventa spettatore, interlocutore, interprete e, infine, co-autore del nostro agito, del nostro sé.
Tale movimento non è unidirezionale, ma avviene dall’uno all’altro e dall’altro all’uno.
Non solo, prende forma un reciproco sostegno, una reciproca confermazione, anche affettiva, che trova origine e perviene ad una convivenza, un corpo più grande: il coro.
L’unità e la coralità, entrambe originarie, contagiantesi e distinte, hanno la loro sede rituale nel Teatro
«… L’anima, o caro, si cura con certi incantesimi e questi incantesimi sono i bei discorsi, da cui nell’anima, si genera la temperanza…»

[Platone: Lachete, 201A]

Saranno proposti alcuni incantesimi: tecniche, modi espressivi, esperienze.
Essi saranno i discorsi buoni che curano l’anima.

L’attività di Scena Sintetica si esplica in numerose iniziative in campo artistico, culturale, e in quello più specifico teatrale, come si evince dalle finalità indicate nello Statuto.
Sin dalla sua costituzione (1986) l’Associazione ha istituito corsi e stages teatrali atti a preparare operatori validi alla realizzazione di spettacoli, ma solo nel 2003 ha costituito e formalizzato una Scuola biennale dell’Attore “Emo Marconi”, dedicata e in memoria appunto del suo precedente Direttore Artistico.
Come sempre gli iscritti raggiungono abbondantemente il numero chiuso previsto (20 allievi) e in molti casi la Commissione dei docenti deve ricorrere ad una selezione. Questa attività, in cui vengono impiegate le energie di tutti i componenti del gruppo e che dura complessivamente 8 mesi (da ottobre a maggio), è molto significativa sia per la partecipazione sempre più convinta ed aderente degli allievi che per l’importanza metodologica che Scena Sintetica propone.
L’attività della Scuola biennale dell’attore “Emo Marconi” si svolge in unità organica con Scena Sintetica.

Indicazioni generali sul corso di teatro

L’attività della Scuola biennale dell’attore “Emo Marconi” si svolge in unità organica con Scena Sintetica.
La Scuola è il luogo del teatro in cui la ricerca e lo studio, liberi dai vincoli della produzione, sono finalizzati alla formazione degli attori. Conoscenze, abilità e scoperte, una volta acquisite, confluiscono, in seconda istanza, e, nuovamente, nell’elaborazione di una messa in scena.
Scuola e Scena Sintetica hanno, non a caso, la stessa sede.

L’attività formativa della Scuola ha lo scopo di promuovere nei giovani, anche non dotati di attitudine alla mimesi e alla comunicazione, una disponibilità al teatro e di dotarli di una base tecnica, che consenta loro di intraprendere con consapevolezza la via del rappresentarsi.
Il progetto didattico della Scuola si basa sulla premessa che in ciascuno vi sono attitudini espressive, si tratta solo di promuoverle, attivando tecniche, stimoli e suggestioni.
L’insegnamento della Scuola, pur ispirandosi alle diverse ricerche dei maestri della scena moderna, si sviluppa sul metodo in itinere che Scena Sintetica, sotto la guida di Antonio Fuso, ha sperimentato.

Scuola dell'Attore Emo MarconiScuola dell'Attore Emo Marconi